Gran Bretagna on the road: le meraviglie di questa terra storica da scoprire in viaggio

Coloro che amano i viaggi on the road, non possono rinunciare ad organizzare un tour in Gran Bretagna, una destinazione davvero affascinante grazie ai suoi suggestivi paesaggi, alla sua storia e alla sua arte.

La Gran Bretagna, l’isola incastonata tra il canale della Manica e il mare del Nord, comprende le nazioni di Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord, perciò, data la vastità del territorio e delle cose da vedere, è molto importante pianificare un itinerario di almeno 15 o 20 giorni che consenta di visitare i luoghi più belli e più importanti dei due Stati più importanti: Inghilterra e Scozia.

 

Tour della Gran Bretagna: alla scoperta dell’Inghilterra

Per iniziare il nostro tour alla scoperta del Regno Unito, si parte dall’Inghilterra, ed esattamente da Londra. Sono moltissimi i voli low cost che arrivano a Londra, quindi non sarà un problema trovarne uno che fa al caso vostro.

Atterrati a Londra si può pensare di noleggiare un’auto o un camper, a seconda di quali siano le esigenze, ma una volta lì, è doveroso fermarsi un paio di giorni per scoprire le bellezze e i luoghi più importanti che caratterizzano la capitale inglese. Una delle principali attrazioni è sicuramente il Buckingham Palace, l’imponente residenza ufficiale della famiglia reale, luogo in cui si svolgono varie cerimonie pubbliche e punto di riferimento per tutti i sudditi. Un altro luogo d’interesse è la Cattedrale di Westminster, cattedrale cattolica in stile neo-bizantino caratterizzata da una torre campanaria alta circa 87 metri.

Una volta a Londra vale la pena vedere anche una delle piazze principali della capitale, Trafalgar Square e attraversare il Tamigi attraverso le Golden Jubilee Bridge, due passarelle pedonali affiancate all’Hungerford Bridge dalle quali è possibile ammirare il Big Ben, la London Eye (ruota panoramica) e il Palazzo del Parlamento Inglese.

Dopo aver passato qualche giorno alla scoperta della capitale inglese, risalendo si può pensare di fare una sosta a Birmingham, la città dei Peaky Blinders, nonché la seconda città più popolosa del Regno Unito. Birmingham è ricca di luoghi storici della rivoluzione industriale che testimoniano la storia del XIX secolo della città come potenza industriale. La città si trova all’interno della contea delle West Midlands in una zona chiamata “Black Country” in cui, sino agli anni ’70 veniva estratto il carbone. Tra le cose da vedere vi è la Birmingham Central Library, una delle più importanti biblioteche d’Inghilterra, il Birmingham Museum & Art Gallery, uno degli spazi espositivi più importanti della città e il Cadbury World, un museo dedicato al cioccolato in cui è possibile fare un tour per scoprire come questo sobborgo sia diventato un importante centro di produzione del cioccolato a livello internazionale.

Puntando sempre in direzione nord, da Birmingham si arriva a Liverpool, città marittima nota per esser stata la città natale di uno dei più importanti gruppi musicali di tutti i tempi: i Beatles. A tal proposito, per i più appassionati, è consigliabile visitare il The Beatles Story, un museo che si trova nel meraviglioso complesso portuale dell’Albert Dock e che racconta la storia della band attraverso foto, cimeli, strumenti musicali e abiti di scena.

Sempre all’Albert Dock, antico deposito commerciale per i mercantili oggi totalmente riqualificato, si trovano anche la Tate Gallery, la più importante galleria d’arte moderna della Gran Bretagna e il Museo Marittimo.

Tra i luoghi da visitare a Liverpool non possono mancare le due cattedrali della città: la Cattedrale Anglicana, considerata una delle chiese più belle al mondo, e la Cattedrale Metropolitana di Cristo Re.
Si tratta di due strutture molto imponenti che distano circa 500 metri l’una dall’altra e che sono architettonicamente molto diverse e particolari.

 

Dall’Inghilterra alla Scozia on the road

A circa tre ore di auto da Liverpool, sempre in direzione nord, si arriva a Dumfries, una cittadina che si trova a circa 30 chilometri dal confine con l’Inghilterra. Si tratta di una storica città-mercato che vanta un importante patrimonio storico che include uno dei ponti più antichi della Scozia. Tra le principali cose da vedere vi è il Castello di Caerlaverock, una fortezza dalla particolare forma triangolare e l’Abbazia di Sweetheart.

Ripartendo e percorrendo circa due ore in auto si arriva a Paisley, città che si trova a circa 7 miglia da Glasgow, nel cuore delle Lowlands scozzesi. Le origini della città sono monastiche e tra le cose da vedere c’è sicuramente l’Abbazia di Paisley, sita nel centro della città e luogo di sepoltura dei primi Stuart. Oggi l’Abbazia ospita anche la Barochan Cross, croce celtica probabilmente risalente al X secolo, in precedenza situata nel vicino villaggio di Houston.

Da Paisley si raggiunge facilmente Glasgow, città portuale situata sul fiume Clyde e centro culturale nazionale grazie alla presenza di diversi teatri, musei e attrazioni culturali. Tra le cose da vedere la George Square, una grande piazza dedicata al Re Giorgio III d’Inghilterra in cui si trova il Glasgow City Chambers, ovvero il palazzo del governo locale, la Cattedrale di Glasgow con alle spalle il cimitero monumentale, il Science Centre di Glasgow ricco di attrazioni interattive e caratterizzato da uno stile architettonico futuristico e la Lighthouse, un importante centro di architettura e design che ospita numerose esposizioni permanenti e temporanee dei più illustri designer e architetti a livello mondiale.

Poco più a nord di Glasgow si trova la località di Loch Lomond, uno dei luoghi scozzesi più affascinanti da un punto di vista paesaggistico e naturalistico. Il Loch Lomond è il più grande lago della Gran Bretagna, circondato da verdeggianti colline e villaggi tipicamente scozzesi come Balloch e Luss.

Ultima tappa del tour tra Inghilterra e Scozia è Edimburgo, una città dal fascino medievale e ricca di attrazioni da vedere. Il Castello di Edimburgo domina la città e sorge su una collina vulcanica. Si tratta di uno dei castelli più famosi della Scozia dal quale, attraverso la Royal Mile, una strada medievale, porta al Palazzo di Holyroodhouse. Per gli appassionati di scotch è obbligatoria una visita nello Scotch Whisky Heritage Centre. Consigliata anche una visita al Museo degli Scrittori, dimora dei tre grandi scrittori scozzesi: Sir Walter Scott, Robert Burns e Robert Louis Stevenson.

 

La Gran Bretagna ti aspetta per un’affascinante tour alla scoperta di luoghi magici, ma prima di partire ricorda di stipulare un’assicurazione viaggio per goderti il tuo viaggio on the road in sicurezza e serenità.

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati